Beppe Giulietti

Presidente Federazione Nazionale Stampa Italiana

Laureato in storia delle religioni, giornalista Rai (entrò per concorso nel 1979 e fu anche inviato de La domenica sportiva) cominciò presto la carriera sindacale nella Federazione della Stampa, fondando con molti altri giornalisti il movimento chiamato "Gruppo di Fiesole" e all'interno dell'azienda Rai, dove divenne capo del sindacato dei giornalisti Rai (Usigrai) prima di Ennio Chiodi, Giorgio Balzoni, Roberto Natale e Carlo Verna.

Eletto parlamentare per la prima volta nel 1994 (indipendente dei Progressisti) è stato poi rieletto in Parlamento nelle liste del Pds, dei Ds e dell'Italia dei Valori; nelle scorse legislature membro della Commissione Parlamentare di Vigilanza sul servizio pubblico televisivo, attualmente fa parte della Commissione Cultura della Camera. Da sempre impegnato in difesa di una comunicazione libera e trasparente, è stato tra i fondatori dell'Associazione giornalistica Articolo 21, liberi di... di cui è stato anche il portavoce.

Il 29 luglio 2009 lascia il gruppo parlamentare dell'Italia Dei Valori per aderire al gruppo parlamentare Misto[1].

Collabora al «Fatto Quotidiano».

Dal 15 dicembre 2015 è presidente del sindacato unitario dei giornalisti italiani, la FNSI

Presente ai seguenti appuntamenti:

  • 10:30
  • Piazza Inferiore San Francesco - INGRESSO GRATUITO
  • 14 Set.

La rete e la degenerazione del linguaggio: parole ostili


  • 10:00
  • Sala Stampa del Sacro Convento di Assisi - INGRESSO GRATUITO
  • 16 Set.

Futuro del giornalismo. Ne parliamo con Giuseppe Giulietti